Tokyo, l’Italia s’è desta!

Le Olimpiadi giapponesi suonano la gloria italiana. La Campania plasma i migliori talenti.

La spedizione azzurra alle Olimpiadi di Tokyo è pronta a stupire. Il momento aureo tricolore prosegue e l’emozione degli appassionati è alle stelle. Il medagliere italiano ha ottime probabilità di tingersi d’oro. L’Italia del softball è partita in fallo. Nulla da irreparabile, ma la seconda sconfitta in altrettante partite lancia un grido d’allarme. Le azzurre, battute per 2-0 dagli Stati Uniti a Fukushima, luogo simbolo del Giappone, non hanno retto la pressione. Le giocatrici di Pizzolini quest’oggi, nonostante un buon approccio, rimediano una nuova sconfitta contro l’Australia. Il prossimo impegno per le italiane dello sport del “batti e corri”, andrà in scena sabato contro il Giappone, padrone di casa. Il programma diventa sempre più ricco di eventi e la tanto attesa cerimonia di apertura stupirà il mondo. La deposizione della torcia olimpica lascerà spazio a discipline ammirate dagli spettatori di tutto il mondo: canottaggio e tiro con l’arco. Ci sarà da tifare. La trentaduesima edizione dei giochi olimpici moderni pone in vetrina campioni provenienti dalla Campania.

Alessandro Sibilio, classe 1999, sarà impegnato nelle discipline dell’atletica. Teodorico Camposano, beneventano, lancia la sfida nella marcia: sport che si è dimostrato un’autentica fucina di talenti. Raphaela Lukudo, aversana, gareggerà nell’atletica leggera. L’atleta azzurra cerca un posto nella gloria. Angela Carini, napoletana, è un peso welter del pugilato. Le speranze nazionali, dato il fallimento degli uomini alle qualificazione, si fondano sull’armata rosa. Irma Testa, nata a Torre Annunziata, porterà in auge l’onore dell’Italia nella boxe, sfidando le campionesse uscenti nei pesi piuma. Il judo azzurro, come da tradizione, si affida ai giovani. Christian Parlati rappresenta la speranza di un popolo pronto ad accogliere una nuova medaglia in patria. Il karate tricolore schiera l’agile Angelo Crescenzo. Il Canto degli italiani primeggerà in terra nipponica? Vincenzo Abbagnale, classe 1993, abituato a spettacolari palcoscenici internazionali, gareggerà nel canottaggio. Il campione di Scafati farà da chioccia al giovane Gennaro Di Mauro. Il nuoto campano sforna talenti pronti ad assaltare il podio giapponese. Stefania Pirozzi non è Federica Pellegrini, ma le premesse per stupire sono elevate. Mario Sanzullo lancia la sfida ai più quotati avversari.

Alessandro Velotto, Vincenzo Renzuto Iodice e Vincenzo Dolce costituiscono i pilastri della nazionale di pallanuoto maschile. Come Insigne, Immobile e Donnarumma, i tre pallanuotisti sognano di vincere l’oro in una disciplina fortemente competitiva. Lo sport italiano punta sul “settebello”, autore di imprese memorabili. Monica Di Gennaro e Cristina Chirichella, campane doc, proveranno a regalare un sogno ai tifosi della pallavolo. La rappresentative azzurre puntano al gradino più alto del podio. La sciabola maschile conterà, ancora una volta, su Luca Curatoli. L’obiettivo è ripetere i fasti di Atene 2004. La scherma femminile schiera la salernitana Rossella Gregorio, gregaria di imprese targate Elisa Di Francisca e Arianna Errigo. Tammaro Cassandro sfiderà i maestri del tiro a volo, disciplina apprezzata e ricca di soddisfazioni per gli italiani. La Campania e Napoli si confermano autentici vivai per lo sport italiano. I cerchi olimpici brillano di luce dei campioni, mentre la torcia forgia lo spirito degli atleti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top