Spezia, Thiago Motta: "vedremo cosa saremo capaci di fare".

Le parole di Mr. Motta alla vigilia di Napoli Spezia.

Ultimo match casalingo dell'anno per i partenopei che sono pronti ad ospitare lo Spezia dell'ex centrocampista azzurro Motta. Il Napoli arriva carico di entusiasmo dopo aver battuto i rossoneri a Milano. Lo Spezia invece arriva dal pareggio casalingo contro l'Empoli.

Per gli azzurri ancora una volta out Insigne, questa volta è stata riscontrata la positività al covid.

Nel pre partita è intervenuto così il tecnico dei liguri:

"Con l'Empoli mi è piaciuto che nelle difficoltà siamo stati squadra fino alla fine. Non dobbiamo dimenticare la squadra che affrontavamo, un Empoli che è in forma e gioca molto bene. Nel primo tempo potevamo essere più alti e coraggiosi nella fase di non possesso e nella fase di possesso potevamo approfittare in fase di recupero e capire i momenti in cui attaccare veloce. Anche nelle prossime partite dovremo capire quando muovere la palla e attaccare con tutta la squadra".

Che Napoli si aspetta?

"Il miglior Napoli possibile, anche se alcuni giocatori importanti non stanno giocando. A questo livello chi entra può mantenere il livello della squadra e lo abbiamo visto contro il Milan. Affronteremo la partita a nostro modo, sarà bella da giocare contro una squadra di grandissimo valore, costruita per lottare per il campionato. Noi vedremo cosa saremo capaci di fare".

 

Il Maradona sarà pieno, dovrete stare attenti anche dal punto di vista caratteriale.

"Meglio. Giocare partite così è bellissimo e per essere a questo livello dobbiamo controllare lo stato emozionale, è molto importante. Quando parliamo di una squadra si parla di tante cose ma la testa per me conta tantissimo. E' un momento importante, ci serve per capire a che punto siamo e a che livello siamo in questo momento".

 

Siete a +3 dalla zona retrocessione. La quota salvezza sarà più bassa?

"Per il momento sì, è quello che dicono i numeri. Durante un campionato, però, può succedere di tutto. Abbiamo visto gli scorsi anni squadre che iniziano fortissimo ma poi calano e hanno difficoltà a mantenersi in Serie A, abbiamo visto squadre che iniziano e dopo dieci giornate sembrano vincere il campionato e alla fine non arrivano nemmeno in Europa League. E' un campionato così, con questo livello può succedere di tutto e sta a noi continuare a dare il massimo, lavorare al meglio e approfittare delle partite per portare punti a casa".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top