Spalletti, pre Napoli-Empoli: "Insigne, Lozano e Anguissa convocati"

Ai microfoni di radio Kiss Kiss Napoli il tecnico azzurro ha rilasciato un' intervista alla vigilia della partita di domani sera contro l' Empoli in casa. Queste le sue parole.

"Il Napoli ha una anima che esprime in campo sempre". Luciano Spalletti parla ai microfoni di Radio Kiss Kiss alla vigilia del match contro l'Empoli.

"Giovedì abbiamo dato tutto per la qualificazione e ringrazio anche i tifosi per la spinta che ci hanno dato sino all’ultimo minuto di recupero. Il nostro pubblico sente l’attaccamento alla maglia di questo gruppo ed è  al nostro fianco, dandoci una forza ulteriore e decisiva. La passione della gente la sentiamo continuamente e ci conferisce una carica enorme.

"Era importante proseguire il cammino europeo per confrontarci coi top Club internazionali e arricchire il nostro bagaglio di esperienza, anche per misurare il nostro spessore".

"I valori vanno in campo e la qualità fa sempre la differenza. Però quello che conta e che ogni calciatore cerca di dare tutto per la squadra senza attendere che la squadra dia qualcosa a lui. Questa è la disponibilità totale che ha questa rosa".

"Ognuno si assume le responsabilità non solo sue ma anche quelle del compagno. Stanno giocando tutti e si dividono il minutaggio con entusiasmo, impegno e sacrificio. Sinora sono stati tutti importanti e decisivi per i risultati che stiamo ottenendo. Ho la fortuna di allenare ragazzi intelligenti".

 

Domani che insidie ci sono contro l’Empoli?

“L’Empoli va valutato con grandissima attenzione. Hanno una classifica che permette loro di avere spensieratezza. Stanno proponendo un gran calcio e sappiamo benissimo che per vincere questa sfida dovremo giocare a livello massimo. Dobbiamo sfoderare una prestazione top”.

“L’Empoli ha una identità precisa sia in campo che come Società. Corsi sta facendo un gran lavoro e complimenti a loro. Empoli è ancora casa mia e quando posso vado lì perché abita anche mia madre”.

“Conosco benissimo Andreazzoli, ce lo avevo come collaboratore e so che ha grandissima qualità come tecnico. Ho potuto apprezzare tutta la sua capacità, basta vedere come gioca l’Empoli per capire che è un allenatore, capace, intelligente ed equilibrato”.

Chi recupererà tra gli infortunati?

Posso anticipare che Insigne, Anguissa e Lozano saranno convocati. Non chiedetemi la formazione perché devo valutare ancora tante cose in queste ultime 24 ore. Abbiamo varie soluzioni, ma ciò che conta è fare una gran partita”.

Domani festeggerà le 500 gare in Serie A:

Così poche? (ride il tecnico azzurro). Io punto alla numero 1000, finchè non arrivo a mille gare in panchina non smetto”.

De Laurentiis ha detto che lei è il miglio allenatore che abbia mai avuto.

Innanzitutto ringrazio il presidente per le belle parole, fanno piacere detto da un uomo che ha avuto grandi allenatori in questi anni. Poi è chiaro che le valutazioni su un tecnico dipendono dai risultati. Questi apprezzamenti servono a spingere la squadra a dare ancora di più. Poi a maggio vedremo dove saremo per un giudizio più ampio”.

Quanto le dispiace non poter essere in panchina domani per squalifica?

“Io ho ammesso a di aver avuto un comportamento poco opportuno, ma non così eccessivo da ricevere due giornate di squalifica. Non avevo mai avuto una squalifica così in carriera. Credo fosse sufficiente saltare una gara. La mia carriera di 500 gare in Setie A è quwsi immacolata dal punto di vista disciplinare. Evidentemente non sono bastate, mi spiace perché dovrebbe esserci collaborazione tra noi e le istituzioni del calcio”

 

FONTE: SSC NAPOLI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top