Serie A, quanto ci sei mancata!

Inizia domani la stagione 2021/2022. Andiamo a vedere come si presenta il nostro campionato alla vigilia della prima giornata. Nonostante non sia tutto roseo, la gioia della riapertura degli stadi è qualcosa che non lascia indifferente nessuno.

Dopo 90 giorni di attesa, riparte la Serie A. Dove eravamo rimasti? L’Inter campione d’Italia, insieme ad Atalanta, Juventus e Milan, parteciperà alla prossima Champions League. Napoli e Lazio disputeranno l’Europa League, mentre la Roma è riuscita a strappare il pass per gli spareggi della nuova Conference League (1-2 nel match di andata col Trabzonspor di Hamsik lo scorso giovedì). Sono retrocesse Benevento, Crotone e Parma.

La prima giornata della 120esima edizione della massima serie italiana si aprirà col fischio di inizio di Inter-Genoa e si concluderà lunedì con Sampdoria-Milan. La Salernitana e il Venezia sono le vere novità della stagione. La squadra della Laguna ritorna in Serie A dopo 19 anni. Ritorno storico anche per la Salernitana, che mancava addirittura da 23 anni. I granata esordiranno col Bologna al Dall’Ara, il Venezia sarà di scena al Maradona col Napoli. Neopromosso anche l’Empoli, arrivato primo in Serie B.

Sarà una serie A completamente rivoluzionata. Col calciomercato poco attivo, da maggio è partito il valzer delle panchine. Sono 8 le squadre che hanno cambiato allenatore. Per la Juve c’è stato il ritorno di Max Allegri; il Napoli scommette su Spalletti, fermo da 2 anni, ma che non ha mai mancato l’obiettivo. Grande terremoto nella capitale, dove sono arrivati due volti noti alla Serie A: la Lazio è allenata da Sarri, che nel 2018 sfiorò l’impresa scudetto col Napoli, e la Roma da Mourinho, protagonista del triplete dell’Inter nel 2010. Non proprio dei novellini, insomma. Finito il matrimonio con i biancocelesti, Simone Inzaghi ha accettato la panchina dell’Inter. Juric ha accettato la sfida Torino, mentre la Fiorentina, dopo il divorzio lampo con Gattuso, ha scelto Italiano. Una scelta ottima, ricordando la scorsa stagione dello Spezia. Gli Aquilotti hanno così sostituito il tecnico nato in Germania con Thiago Motta.

La crisi scaturita dalla situazione pandemica non ha permesso grandissimi colpi di mercato alla vigilia della prima giornata. Comunque la sessione estiva si conclude martedì 31 agosto e siamo nel bel mezzo di un’estate molto movimentata, almeno per quanto riguarda il mercato in uscita. Imperdonabile l’addio alla nostra Serie A di una stella come Donnarumma, peraltro a parametro zero. Svincolato dal Milan anche Calhanoglu, che si è trasferito dai cugini dell’Inter. Il Milan si consola con Giroud. Lukaku è andato al Chelsea, Hakimi al Psg con Donnarumma. Così i nerazzurri hanno acquistato il tanto desiderato Dzeko dalla Roma. La Serie A perde anche De Paul, trasferitosi all’Atletico Madrid. Intanto, la Juve fa spesa dal Sassuolo e prende Locatelli. Ma la Vecchia Signora trema per le voci su Cristiano Ronaldo. Bene l’Atalanta, che ha detto addio a Gollini e Romero, ma ha acquistato Musso e ha preso in prestito Demiral. Con tutti questi cambiamenti, niente sarà scontato. Anche questa stagione sarà molto combattuta, le sorprese sono dietro l’angolo.

Un’altra novità è quella che riguarda i diritti tv. La Serie A sarà trasmessa tutta su Dazn. Si passa ufficialmente allo streaming. Al di là di tutte le polemiche, le voci di mercato e le varie incertezze, ciò che conta davvero è il ritorno dei tifosi allo stadio, anche solo con la capienza al 50%. Perché il calcio è della gente, della gioia ad un gol che ci fa tornare bambini, per quei 90 minuti che ci fanno dimenticare i piccoli e grandi problemi quotidiani. Croce e delizia di noi italiani. E no, non sono frasi fatte, ma verità assolute. Buon campionato a tutti!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top