Pallavolo femminile, le azzurre volano!

Italia-Turchia 3-1: secondo successo per l’Italia a Tokyo 2020

I cerchi olimpici si accendono alla vista del gioco delle ragazze “terribili” guidate da Davide Mazzanti. La rappresentativa femminile italiana è più solida che mai e sferra colpi mortali contro la Turchia, avversaria di giornata. L’Ariake Arena ospita un match che oscille tra lo spettacolo e l’attesa, non adatto a deboli di cuore. L’incontro, emozionante, palesa la concretezza di Paola Enogu e compagne, che sconfiggono le avversarie e mantengono la testa del girone. L’Italia aveva bisogno di confermare le certezze registrate al debutto olimpico contro la Russia. Egonu c’è, ma l’intera squadra ha dimostrato di essersi fatta trovare pronta al momento giusto. La Turchia arriva alla sfida contro l’Italia letteralmente galvanizzata dal grande esordio contro la Cina. Una partita che Guidetti ha preparato perfettamente e nella quale tutte le giocatrici hanno sfoderato una prova al limite della perfezione. Si comincia! Le azzurre partono sugli scudi, piazzando punti cruciali che incanalano il primo parziale sulla strada della vittoria. L’Italia ingrana la marcia giusta e vola in fuga, segnando un iniziale vantaggio sul tabellone. Le ragazze di Guidetti provano il recupero, approfittando di alcuni passaggi a vuoto del team azzurro. Le turche, minacciose, sfruttano il servizio e ritornano in corsa sul punteggio di 18-14. Il finale del primo set è eccezionale, con l’incredibile Egonu che assesta punti preziosi. Il muro granitico di Sylla e errore di Karakut valgono la conquista del primo set, che l’Italia agguanta sul 25-22. La gioia della panchina azzurra è contagiosa.

Il secondo parziale presenta una lotta sul filo dei nervi. La Turchia è implacabile, mentre le azzurre non mostrano difficoltà a rispondere colpo su colpo. Sul 15 pari, però, crolla il muro di certezze edificato dalle ragazze di Mazzanti. Un errore al servizio di Paola Enogu spiana la strada alle avversarie. Nonostante lo svantaggio, le azzurre non si arrendono e provano a ribaltare la situazione. Nulla da fare, malgrado la generosità. La Turchia, con un free ball della Ismailoglu, si aggiudica il secondo set per un soffio: 23-25. Comincia una nuova partita. Il terzo set, complice la stanchezza, non regala spettacolo. Le squadre decidono di studiarsi e affondare colpi mortali al momento opportuno. La pazienza premia l’Italia. Il team tricolore resiste alle sortite delle ragazze turche, soffrendo e mostrano resilienza che ricorda le epiche fatiche di Ercole. Paola Enogu, incredibilmente, scompare dal match. Il cordone azzurro creato attorno alla campionessa vale quanto una medaglia d’oro. La forza è nel gruppo. Sylla in difesa è impenetrabile e le turche cominciano a subire gli schemi di Mazzanti. Le certezze delle ragazze guidate dall’italiano Guidetti vacillano. Nel finale, l’Italia riesce a chiudere il set per 25-20. Il quarto parziale sorride all’Italia. Un’onda azzurra travolge le malcapitate avversarie, che non hanno sufficiente vigore per contrastare l’Italia. Enogu e compagne, dopo un passaggio a vuoto, crescono e accumulano un buon vantaggio. I numeri sulla battuta sono incredibili e sentenziano il match. La Turchia si arrocca in difesa, mentre le azzurre accelerano i ritmi. Il tabellone recita 25-15 in favore dell’Italia, che ottiene un importante successo. Le ragazze “terribili” sono candidate alla medaglia d’oro. Giovedì le azzurre affronteranno l’Argentina, per una nuova emozionante sfida tutta da vivere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top