L' applauso delle curve al capitano

Prima da ex per il grande Totonno Iuliano

“Savoldi non ci arriva ma ecco Vinazzani. Rete del Napoli, azzurri in vantaggio e delirio al San Paolo”. L’inconfondibile voce dell’indimenticato Luigi Necco che racconta quel goal che regalò i 3 punti al Napoli sul Bologna.

Era la stagione 78-79.

Un’annata alquanto strana per il Napoli: una squadra allestita per ben figurare in Italia e in Europa che però non riuscì mai a concretizzarsi. Lampante fu la sconfitta in Europa contro la Dinamo Tbilisi, formazione di gran lunga inferiore ai partenopei. Fu anche l’anno dell’addio di capitan Iuliano che dopo 16 anni in maglia azzurra fu ceduto proprio al Bologna.

Era (anche da quello che ci raccontano i vecchi dei vicoli) una calda domenica di aprile e i felsinei di coach Perani fanno visita agli azzurri di Vinicio, subentrato da qualche mese a Di Marzio. E ironia della sorte, fu anche la prima da avversario al San Paolo di Antonio Iuliano.

Pronti via e il Napoli all’ottavo minuto è già in vantaggio con Pellegrini che raccoglie un cross perfetto di Majo. Cala la concentrazione e i rossoblù pareggiano subito grazie a Vincenzi perfettamente imbeccato da Castronaro, dopo una fuga di 30 metri dell’esterno emiliano. Sale in cattedra Savoldi che è immarcabile, ma la punta partenopea sembra avere le polveri bagnate. Si va al riposo sull’ 1 a 1

Ripresa con il Napoli più aggressivo che si riporta in vantaggio con Vinazzani: cross del solito Mayo, Savoldi è in ritardo ma non il centrocampista azzurro che insacca alle spalle di Zinetti. Il Bologna rischia di pareggiare su rigore (fallo di Tesser su Vincenzi) ma Castellini ipnotizza Paris.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top