Italia, il rientro è da sogno!

La Nazione ribolle di entusiasmo. Dopo più di cinquant’anni anni, l’Italia è Campione d’Europa.

 Le immagini della festa del 1968, data in cui gli azzurri conquistarono la prima Coppa europea delle nazioni, sono finalmente storia. L'almanacco azzurro si arricchisce di un nuovo trofeo. Il più agognato. L’Italia, neocampione continentale, è atterrata all’aeroporto di Fiumicino a Roma intorno alle 6.05 di questa mattina. L’A319 dell’Alitalia, volo AZ 9001, proveniente da Londra Luton, è stato accolto dal tripudio di un popolo in visibilio. L’impresa azzurra è dedicata alla resilienza degli italiani, duramente provati dalla pandemia da Covid 19. Quando le sagome del commissario tecnico Mancini e di capitan Chiellini sono apparse in cima alle scalette dell’aereo, è partita la festa. Il sogno si è avverato. Il tributo dalle decine di operatori aeroportuali, radunati ai piedi del velivolo, ha generato una passione incontenibile. Il più scatenato, Bonucci, ha intonato: «I campioni dell’Europa siamo noi». Gli eroi di Wembley sono stati accolti da uno striscione di “Aeroporti di Roma”, con la scritta «Grazie azzurri» e da uno dei commissari di Alitalia, Daniele Santosuosso. Calciatori e staff tecnico sono stati prelevati sotto il bordo dell’aereo e, iniziando la salita sul pullman federale, hanno lasciato lo scalo romano scortati dalle forze dell’ordine. Poco prima dell’uscita dal varco decentrato di Fiumicino, Giorgio Chiellini è sceso dal pullman azzurro con la Coppa tra le mani, sollevandola dinanzi ad alcune decine di tifosi più fortunati, che hanno raggiunto l’area più lontana dello scalo rispetto alle aerostazioni. 

Donnarumma e Bernardeschi non trattengono l’emozione. «È tutto meraviglioso», aveva esclamato poco prima Jorginho, circondato dall’affetto degli operatori di volo. Il presidente federale Gravina, libero dalla tensione, esclama: «Bellissimo tornare a Roma con la Coppa». Tutti i giocatori, sotto bordo, sono stati bersagliati di foto ricordo e di cori di ringraziamento. Incitamenti per Immobile, Verratti, Chiesa, De Rossi ed un’ovazione alla vista di Spinazzola, per il quale è scattato il celeberrimo coro «Spina, Spina!!». Il Presidente della Repubblica, Sergio Matterella, ha ringraziato la Nazionale di Mancini con un tweet: «Grande riconoscenza a Roberto Mancini ed ai nostri giocatori che hanno ben rappresentato l’Italia e reso onore allo sport». Il Capo dello Stato riceverà nel pomeriggio, intorno alle 17, gli azzurri al Quirinale. «Gli italiani celebrano il successo della nazionale ai campionati europei di calcio. La spedizione tricolore, guidata dal commissario tecnico Roberto Mancini, ha mostrato gioco e spirito di squadra straordinari. «Il trofeo torna in Italia dopo più di 50 anni» ha dichiarato il premier Mario Draghi. Il Presidente del Consiglio riceverà in giornata alle 18.30 la squadra e lo staff tecnico a Palazzo Chigi, per ringraziarli a nome di tutto il Governo. Che la festa abbia inizio!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top