Italia batte Svizzera 3 a 0

Una doppietta di Locatelli e una rete di Immobile regalano i 3 punti a Mancini

Nella seconda giornata del Gruppo A, l’Italia è di scena all’Olimpico di Roma contro la Svizzera di una vecchia conoscenza del campionato italiano, quel Petkovic ex Lazio. Mancini riconferma i 10/11 della vittoria contro la Turchia, col solo Di Lorenzo in luogo di Florenzi infortunato; ancora out Verratti. 3-4-1-2 per gli svizzeri con Shaqiri dietro Seferevic ed Embolo. Arbitra il russo Karesev.

Inizio attendista dell’Italia che si limita a controllare e contenere gli elvetici. Prese le distanze, gli azzurri alzano il ritmo della partita, sfruttando soprattutto le fasce esterne ma il primo vero sussulto arriva da calcio d’angolo: Chiellini di testa trafigge Sommer ma l’arbitro russo (e la VAR) annullano la rete del difensore azzurro per un evidente tocco di mano. Qualche minuto dopo, ancora Chiellini protagonista, costretto però a lasciare il campo per un problema muscolare e al suo posto, entra il laziale Acerbi. Gli Azzurri non smettono di attaccare e al 26esimo passano in vantaggio con Locatelli, ben imbeccato dal compagno di club Berardi. Prima rete per il centrocampista azzurro che fino adesso non fa rimpiangere l’assenza di Verratti.

Comincia la ripresa e Petkovic manda in campo Gavranovic al posto di Seferovic per cercare il pareggio ma l’Italia concede poco o nulla. E al 52esimo, gli Azzurri raddoppiano ancora con Locatelli che da ventri metri, lascia partire una rasoiata di sinistro dove Sommer non può fare nulla. Olimpico in festa e prima doppietta in azzurro per il centrocampista del Sassuolo che difficilmente dimenticherà questa serata. Al 65esimo, la Svizzera si fa vedere dalle parti di Donnarumma ma il portiere azzurro si supera sulla conclusione ravvicinata di Zuber. Mancini corre ai ripari, passando al 3-5-2 con Chiesa e Toloi al posto di Berardi e di Insigne; il cambio di modulo giova Immobile che si rende pericoloso nel giro di una manciata di minuti, ma le sue conclusioni sono imprecise. Nel finale, esordio anche per Pessina ma a siglare la rete del definitivo 3 a 0 ci pensa proprio Immobile, alla seconda realizzazione in questo Europeo.

L’Italia bissa la buona prova vista contro la Turchia con gli azzurri a proprio agio anche nel nuovo schema ammirato questa sera. Italia prima in classifica e già qualificata agli ottavi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top