Inter, Inzaghi: “Gara importantissima, Napoli forte e competitivo”

Inzaghi: "Sarà una partita importantissima per la classifica come contro il Milan. Il coraggio e le motivazioni faranno la differenza"

Ecco le parole di mister Inzaghi ai microfoni di DAZN alla vigilia di Inter-Napoli, gara che si giocherà domani alle ore 18.00

Inter con il miglior attacco contro il Napoli miglior difesa: che gara si aspetta mister? - "Sarà una partita importantissima per la classifica come contro il Milan. Il coraggio e le motivazioni faranno la differenza"

Si può dire che sarà una gara spartiacque? - "Noi abbiamo fatto un ottimo percorso in Serie A, come in Champions League. In campionato siamo indietro di due punti rispetto all'anno scorso, ma è anche vero che Milan e Napoli stanno tenendo un passo che in Italia non si vedeva da quarant'anni. Contro Atalanta, Juve e Milan meritavamo di più, invece sono arrivati tre pari, dobbiamo fare di più negli scontri diretti a partire da domani sera. I tifosi ci aiuteranno"

Come gestirà i nazionali appena rientrati? "Avrei potuto parlarne meglio prima del Milan e dello Sheriff perché avevamo la squadra al completo. Abbiamo perso de Vrij e Sanchez e avuto problemi con Bastoni e Dzeko. Vedremo nell'allenamento di domattina, ma siamo concentrati prima sul Napoli. Manderemo in campo la formazione migliore"

La stupisce il percorso del Napoli di Spalletti? - "Luciano ha sempre fatto bene ovunque sia andato, è un valore aggiunto per le proprie squadre. Il Napoli è un'ottima squadra, hanno mantenuto gli elementi migliori, tra cui Fabian e Koulibaly che sono rimasti grazie a un gran lavoro della società. Per me comunque aveva fatto ottime cose anche Gattuso"

Come si può alzare l'asticella visto l'andamento negli scontri diretti? - "Bisogna cercare di indirizzare gli episodi nel migliore dei modi: spesso c'era di mezzo un rigore non dato o sbagliato, ma io sono orgoglioso di questi ragazzi che mi stanno dando tanto. Possiamo fare tutti meglio, sapevo che qui sarebbe stato un anno di transizione dopo le perdite in estate e invece siamo competitivi ovunque. In più, società e tifosi sono sempre al nostro fianco"

In caso di rigore confermerà Lautaro Martinez? - "A Reggio Emilia ha segnato un rigore importantissimo, poi ci sono Calhanoglu e Perisic. Ci prepareremo per ogni evenienza. Gli attaccanti possono passare momenti difficili, come me, come mio fratello, come Immobile a Roma. Martinez è dentro al cento per cento al progetto, si deve preoccupare solo se non gli capitano le occasioni. Deve continuare come sta facendo e credere nelle proprie potenzialità. Tornerà a segnare come ha sempre fatto"

Ci sono stati tanti episodi complicati, quanto stanno pesando gli errori arbitrali sul vostro cammino? - "Da tanti anni andiamo in Europa e abbiamo capito che non possiamo lamentarci dei nostri direttori di gara. Si può sbagliare, come sbagliano i calciatori. Dopo il derby ho fatto i complimenti alla squadra arbitrale. Siamo fortunati in Italia"

I dati raccontano di un Calhanoglu diverso all'Inter: glielo chiede lei di stare più in mezzo al campo e meno vicino alla porta? - "Penso che fino a qui Hakan abbia fatto bene: mette quantità e qualità, nelle grandi partite ha fatto molto bene, anche se qui gioca in un altro modo, ma fa gol e assist e deve continuare così. Siamo contenti di averlo"

Cosa ne pensa del nuovo stadio di Milano? - "San Siro regala emozioni, il nuovo stadio sarà ben accetto e motivo di sviluppo per i due club"

Si è confrontato con Brozovic che non ha ancora rinnovato? - "Marcelo è un grandissimo calciatore, da tanti anni è qui e fa sempre grandissime cose. I nostri dirigenti sono qui tutti i giorni, pensano loro a queste dinamiche. Sanno cosa penso del calciatore"

Senza de Vrij come ridisegnerà la difesa? - "Dopo le nazionali abbiamo avuto qualche problemino, domani giocherà Ranocchia che è molto affidabile ed è qui da tanti anni. Non farà rimpiangere nessuno"

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top