Fiorentina-Benevento 2-1: i gigliati volano agli ottavi

La Fiorentina batte il Benevento e ottiene il pass per gli ottavi di finale, in cui sfider il Napoli di Spalletti.

All'Artemio Franchi di Firenze la Fiorentina batte 2-1 il Benevento grazie a Milenkovic e Sottil. Inutile il gol di Moncini.

LA FORMAZIONE VIOLA
Italiano sceglie il 4-3-3. Rosati in porta; in difesa Igor e Milenkovic con Venuti e Terzi esterni bassi. A centrocampo scelti Maleh, Amrabat e Benassi. In avanti Kokorin al posto di Vlahovic con Sottil e Callejon esterni alti.

COME SI SCHIERANO GLI STREGONI
Per i sanniti 3-5-2. Manfredini tra i pali; in difesa Glik, Vogliacco e Masciangelo. Acampora in mediana, Tello e Calò le mezze ali, Brignola ed Elia i due quinti. In avanti Caserta sceglie il tandem Moncini-Sau.

LA PARTITA
I giallorossi cercano un avvio di gara propositivo, mettendo più di una volta la retroguardia viola in allerta. Il primo gol però è per la squadra di Italiano: su un corner viola buona la sponda di Igor per Milenkovic che, lasciato completamente libero da Moncini, la mette dentro. La grande occasione per i campani arriva al 25' ed è sui piedi di Gennaro Acampora che in area non rifinisce una buona azione del Benevento. Nel secondo tempo Caserta fa fuori un opaco Tello e inserisce Ionita. Si mettono subito male le cose per i sanniti nella ripresa, difatti al 47' diventano due le reti di vantaggio della Fiorentina che segna con Sottil. Quasi immediata la rezione della squadra ospite che riapre i giochi in un lampo con Moncini, che dalla sinistra dell'area piccola insacca Rosati e fa 1-2. Benevento che prende fiducia e cerca più volte il tiro nello specchio della porta per provare a rimettere il punteggio in parità. La viola però insiste e flirta più volte con il gol della sicurezza, in particolare con Sottil. Nel finale cerca di chiudere in avanti il Benevento ma non basterà per evitare la sconfitta.

Passa il turno la Fiorentina che agli ottavi sfiderà il Napoli al Maradona. Niente derby campano dunque per Lapadula e compagni, che escono sicuramente a testa alta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top