F1, Max Verstappen domina il Red Bull Ring!

L’Austria si tinge “orange” nel senso di Max.

Il campionato mondiale di Formula 1 sorride a Max Verstappen. Il pilota olandese bissa il successo della scorsa settimana con una prova memorabile, infliggendo l’ennesimo dolore all’irriconoscibile Lewis Hamilton. Il talento alla guida del toro alato conquista la quindicesima vittoria in carriera: quinta affermazione nel 2021. Il prodigio del “figlio d’arte” è merito del team Red Bull motorizzata Honda, che si appresta a dominare la stagione. Mercedes è finita in un buco nero. Passaggio di consegne? Presto per dirlo ma se il buongiorno si vede dal mattino…

Il pilota della Red Bull, scattato dalla pole position, ha dominato la gara dall’inizio alla fine, per la gioia dei tifosi austriaci presenti sulle gradinate. Il giovane leader del circus ha giganteggiando nel corso delle settantuno tornate previste e meritato ampiamente il successo. L’olandese ha trionfato sul tracciato Red Bull Ring, gran premio di casa per la sua scuderia guidata da Chris Horner ed operato un allungo micidiale in classifica generale. Max Verstappen vanta un vantaggio rilevante nei confronti di Lewis Hamilton, che si è dovuto accontentare della quarta piazza. L’inglese ha palesato enormi difficoltà al volante della sua Mercedes. Il sette volte campione del mondo, ha intrapreso una gara al limite, risalendo fino alla seconda posizione. La sorte, avversa alla punta delle frecce d’argento, ha giocato un brutto scherzo alla scuderia tedesca. Durante il tentativo di rimonta, l’inglese ha riscontrato criticità con gli pneumatici e ha dovuto lasciare passare il compagno di squadra Valtteri Bottas per un ordine di scuderia. Il finlandese ha concluso la gara in seconda posizione. Lewis, sconsolato, ha alzato bandiera bianca e subito il sorpasso da parte dell’arrembante scatenato Lando Norris su McLaren, giunto terzo al traguardo. Mercedes, nonostante la strategia improntata sulle due soste, non è riuscita a seguire il ritmo del team rivale. La mancanza di aderenza delle gomme sul tracciato hanno incrementato l’usura e costretto gli ingegneri tedeschi a riparare verso piani alternativi.

 L’Austria non regala particolari emozioni, a parte la lotta consumata al centro del gruppo. Subito dopo la partenza, un contatto tra Ocon e Mick Schumacher impone l’ingresso della safety car. La ripartenza propone una lotta serrata. Mentre Verstappen compie giri record, i ferraristi provano a ricucire le distanze dal gruppo di testa. Al giro 15, primo colpo di scena: Leclerc prova a superare la Red Bull di Perez, che non resiste al tentativo del gioiello monegasco del cavallino rampante. Gli uomini in rosso consolidano il vantaggio di Leclerc con una rapida sosta ai box, che gli consente di guidare il gruppo degli inseguitori. Il tracciato austriaco è patria di proteste del team Ferrari a causa del comportamento del pilota messicano. Al giro 41, Perez spinge Leclerc ai limiti della pista e lo conduce sulla ghiaia nelle tornate successive. Nonostante la provocazione, il talento di Maranello conquista subito il tracciato e sfoga la rabbia con un sorpasso da manuale. La rossa è sugli scudi. Nel finale di gara, Sainz approfitta del degrado gomme del compagno di squadra e compie un sorpasso fratricida. Lo spagnolo della Ferrari si ripete su Ricciardo e conclude in quinta posizione. Punti d’oro in casa Ferrari, ma la vettura è da rivedere. Il prossimo gp si correrà in Gran Bretagna sul circuito di Silverstone. Riuscirà Verstappen a spodestare Hamilton? Non resta che attendere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top