Calciomercato, Napoli: Emerson sempre più vicino, ora tocca convincere il Chelsea.

Younes ed Ounas sempre più lontani da Napoli. Spalletti aspetta Insigne.

Gli azzurri di Mr. Spalletti lavorano sodo nel ritiro di Dimaro. Pian piano la squadra inizia a prendere forma con gli azzurri che tornano dalle vacanze dopo aver disputato le varie competizioni intercontinentali. Tutti aspettano con ansia l’arrivo del capitano, nella speranza che questa non sia la sua ultima stagione in azzurro. Il Mister azzurro lancia segnali forti alla squadra (sul campo) curando ogni minimo dettaglio e alla società in ottica acquisti e cessioni per plasmare il suo 11 ideale.

In entrata.

Sembra che per sbloccare la situazione Emerson Palmieri si deve aspettare il mese di agosto. Qualcosa inizia già a muoversi, l’esterno Italo-brasiliano gradirebbe la destinazione Napoli e avrebbe piacere di tornare a lavorare con il tecnico toscano. Ora c’è da convincere il Chelsea che fissa il prezzo a 20 milioni.

In uscita.

Ounas non rientra nei piani di Mr. Spalletti e il presidente non vorrà di certo svenderlo. L’esterno franco-algerino ha dimostrato più volte di poter dire la sua anche in campionati diversi da quelli italiano. Potrebbe essere lui l’uomo che potrebbe sbloccare il mercato azzurro.

Younes sembrerebbe avere la mente sul Golfo del Persico dopo una faraonica offerta fatta al giocatore. L’esterno tedesco è passato lo scorso ottobre dal Napoli al Francoforte con la formula del prestito biennale con diritto di riscatto fissato a tre milioni di euro, il calciatore non sembra più intenzionato a restare.

Discorso diverso per Insigne e Koulibaly, Spalletti infatti vede il difensore senegalese e l’esterno napoletano come due perni fondamentali per plasmare il suo Napoli. Attende infatti il rinnovo del capitano (in scadenza giugno 2022) e la non cessione del difensore. Koulibaly però è nel mirino di Paris Saint-Germain e Manchester United, ma anche di alcune big della Bundesliga. Il patron azzurro sembrerebbe voler far cassa e alleggerire il monte ingaggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top