Avellino-Ancona Matelica 0-1. Brutta sconfitta per i lupi.

Al termine di un interminabile match i padroni di casa escono sconfitti contro l'Ancona Matelica che nega ai lupi il passaggio agli ottavi di coppa.

Game over allo Stadio Partenio per i padroni di casa dell’Avellino. Dopo tre pareggi consecutivi in campionato, arriva la sconfitta, questa volta in coppa. Iannoni all’ottavo di gioco sigla (dopo un contropiede fulmineo) il goal che regala la qualificazione agli ottavi di Coppa Italia alla sua Ancona Matelica.

LA PARTITA

Subito un brivido per i biancoverdi nel primo minuto di gioco, goal annullato all’Ancona Matelica: calcio di punizione dal limite deviato dalla barriera campana che lo indirizza verso Rolfini. L’attaccante controlla la palla con il braccio prima di centrare la rete. Goal annullato e risultato invariato. I campani rispondono con un tiro violento di Carriero terminato oltre la traversa. All’ottavo di gioco gli ospiti sbloccano il punteggio. Contropiede rapidissimo dei marchigiani, Sereni allarga sul lato opposto per Iannoni, che controlla e calcia in diagonale: tiro che sembrava facile preda del portiere, ma Pane non ci arriva, Ancona Matelica in vantaggio. La difesa biancoverde è nel pallone e gli ospiti cerca invano il raddoppio con Ruani che al minuto 13 spedisce il pallone oltre la traversa. L’Avellino non ci sta e prova a rialzare la testa al 19°. Cross di Ciancio per Plescia che centra il pallone di testa: Vitali si tuffa e compie un ottimo intervento, deviando il pallone in angolo. Dopo dieci minuti è l’Ancona a farsi pericolosa. Occasione per Iannoni che stavolta non centra la porta dopo una ripartenza pericolosa. Termina il primo tempo con gli ospiti in vantaggio.

Il primo squillo della ripresa dopo dieci minuti è dei padroni di casa: Cross di Mignanelli dalla sinistra Mastalli colpisce di testa. Pallone sul fondo, altra chance sfumata per i neroverdi. Al 60° è ancora l’Avellino a creare. Cross di Mignanelli respinto da Vitali, Carriero di sponda per De Francesco, che ci prova dal limite dell'area. Pallone sul fondo.  Ci riprova l’Avellino, questa volta al minuto 78: De Francesco calcia una punizione dal limite, senza però inquadrare la porta per pochi centimetri.

IL COMMENTO

Primo tempo da dimenticare per l’Avellino. I campani sono sembrati lenti ed estremamente prevedibili.  Nel secondo tempo i lupi cambiano atteggiamento, creano delle occasioni in più ma senza concretizzare. I Marchigiani hanno avuto il totale controllo del match e vanno meritatamente avanti nella competizioneUn brutto stop per l’Avellino prima del match contro la capolista Monopoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top