Paese che vai, piano vaccini che trovi

Grandi differenze sulle percentuali di avvenute vaccinazioni nei vari Paesi, perch ogni Stato gestisce in modo diverso la campagna. Negli USA i governatori repubblicani reputano politicamente meno dannoso un crescente numero di vittime piuttosto che limposizione di obblighi e restrizioni per diminuire il contagio da Covid-19.

Le discussioni sull’obbligo delle vaccinazioni e il mantenimento delle mascherine stanno imperversando nel mondo. Nell’Unione Europea le vaccinazioni hanno raggiunto circa il 70% degli adulti e, tenendo conto di bambini e adolescenti, oltre il 55% del totale, rispetto al 52% degli Stati Uniti, al 61% in Israele e al 64% in Gran Bretagna. Ma ci sono grandi differenze tra i Paesi membri, perché ognuno gestisce la propria campagna di vaccinazione. Paesi come la Francia e l’Italia stanno spingendo molto affinché le persone vengano vaccinate, introducendo il Green pass per cenare al chiuso o entrare in luoghi culturali. Oltre l’80% degli adulti è stato completamente inoculato in Belgio, Danimarca e Portogallo e oltre il 75% in Spagna e Paesi Bassi, la cifra scende al 45% in Lettonia, al 31% in Romania e al 20% in Bulgaria. I Paesi con minor tasso di vaccinazione scontano la disinformazione, la scarsa fiducia nelle istituzioni e la mancanza di una strategia di comunicazione. La Romania ha avuto un avvio veloce della campagna di vaccinazione nelle aree urbane, ma ha faticato a vaccinare la sua popolazione rurale, di cui ha la quota più alta nell’Unione europea.

Negli USA i repubblicani vedono le restrizioni antiCovid come una minaccia alla libertà personale, più pericolosa del virus stesso. Il Governatore della Florida, Ron DeSantis, ha impedito ai governi locali e ai distretti scolastici di richiedere le mascherine. In Texas, Greg Abbott ha rinnovato il divieto sui vaccini obbligatori. E in South Dakota, Kristi Noem ha fatto dell’opposizione agli obblighi un punto di forza chiave per la sua potenziale offerta presidenziale. DeSantis è diventato un volto simbolico della battaglia e ha emesso un decreto che vieta i finanziamenti ai consigli scolastici che obbligano gli studenti a indossare mascherine. Di contro l’amministrazione Biden si è offerta di utilizzare i fondi federali per garantire i budget scolastici bloccati. Alcune parti politiche americane, in vista delle elezioni, considerano un crescente numero di vittime politicamente meno dannoso rispetto all’imposizione di obblighi e restrizioni per diminuire il contagio da Covid-19. L’amministrazione Biden sta indagando sugli Stati a guida repubblicana che non consentono alle scuole di richiedere mascherine, per determinare se ciò viola le norme federali. Da considerare che, negli Stati Uniti, la variante Delta si è dimostrata altamente contagiosa nel diffondersi in ambienti e popolazioni non protetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top