Nuove ombre sul Vaticano

“Il messaggio nella bottiglia” diffuso negli ultimi giorni su You Tube, rischia davvero, per le tante tematiche affrontate, di rappresentare un attacco frontale all’attuale pontificato...

Affermare che molte vicende relative  allo Stato Vaticanosiano destinate a restare  sospese nell’oscurità, avvolte in torbidi misteri, è una delle verità più assolute che circonda la potente capitale della cristianità mondiale. Nel lungo percorso duratosecoli, nell’alternanza di personaggiambigui che si sono mossi con una certa disinvoltura nei più alti ranghi ecclesiastici, molte circostanze  sono rimaste a livello di veri e propri misteri irrisolti nel silenzio,  senza  trovare una spiegazione logica che potesse essere fungere da alternativa a una considerazione pienamente negativa su determinati comportamenti e fatti che hanno riguardato lo Stato pontificio. In omaggio a questa che potremo in qualche modo una tradizione secolare, giunta fino ai nostri giorni,  che vuole sempre il torbido ad essere padrone delle vicende pontificie, un nuovo tassello si aggiunge ad alimentare la cortina di sospetti: il video-documentario “Il messaggio nella bottiglia”

Il video bomba

Il messaggio nella bottiglia” diffuso negli ultimi giorni su You Tube, rischia davvero, per le tante tematiche affrontate, di rappresentare un attacco frontale all’attuale pontificato tale da fornire una chiave di lettura preoccupante a determinati atteggiamenti e alla stessa  figura del pontefice. Sono 40 minuti a dir poco sconvolgenti che investono una molteplicità di argomenti tale da poter potenzialmente, se confermate,  sconvolgere dalle basi lo Stato Vaticano. Nelle parole del frate italo-americano Alexis Bugnolo, del professore Francesco Lamendolae del YouTuberMarco Cosmo , una precisa ricognizione sui fatti riguardanti la chiesa di cui viene offerta una versione tale dal farli apparire notevolmente diversi da quelli che sembrano. Si va dalle irregolarità relative alla rinuncia di papa Ratzinger fino ad abbracciare il fenomeno della massoneria ecclesiastica e delle sue finalità, con un particolare e preciso riferimento a quella vera e propria setta di cosiddetti modernisti ricoperti sotto l’indicazione della “Mafia di S. Gallo”. Nelle dichiarazioni degli intervistati ognuno  di questi argomenti non sarebbero altri che elementi di un unico grande e oscuro progetto massonico: demolire la Chiesa Cattolica. Una demolizione tentata dall’interno  ùdel mondo ecclesiastico che conta e regge le fila della cristianità,  che vedrebbe il papà Bergoglio come l’espressione più elevata del progetto  in atto, attraverso un pontificato che è essenzialmente rinuncia a qualsiasi elemento metafisico della spiritualità  in nome di un modernismo che altro non sarebbe che una vera e propria  svolta materialista e dissacratoria.

Bergoglio: il papa o l’anti-papa?

A seguire l’orientamento emerso nel documentario appare evidente che la figura dell’attuale pontefice diventa qualcosa di diverso da quella comunemente intesa in questi anni, tanto che nei suoi confronti appare lecito domandarsi se sia piuttosto un anti-papa, vistale finalità che  si attribuiscono alla sua figura piuttosto che un papa. Per quanto un simile orientamento possa sembrare addirittura blasfemo c’è da aggiungere tuttavia che non mancano evidenze in grado di dare solidità a questo modo di vedere le cose. Evidenze che rendono certa l’esistenza all’interno del mondo della chiesa, da almeno qualche secolo a questa parte,  di una gerarchia infedele fortemente ispirata alla massoneria che mano a mano avrebbe acquisito sempre più forza e potere, tanto da poter considerare  giunto il momento di passare a scalare il vertice, con il prescelto Bergoglio, dell’intera organizzazione ecclesiastica.A quella setta di ultra modernisti che si riunivano a S.Gallofa riferimentonella sua biografia il primate del Belgio cardinale Daniels, che ne conferma  il proposito di destituzione dell’inviso Ratzinger, ritenuto tradizionalista,  e al contempo il fermo proposito di puntare tutto sul “ sul cardinale arcivescovo di Buenos Aires,Jorge Mario Bergoglio” Una considerazione crescente per il futuro papa ritenuto, almeno secondo il documentario, l’asso nella manica per sferrare il colpo decisivo alla chiesa cattolica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top