Nirmal Purja e la scalata sulle 14 vette pi alte del mondo

Una sfida impossibile che l'alpinista nepalese ha reso possibile, da qui il nome della missione, "Project Possible": scalare 14 vette di oltre 8000 metri in soli 7 mesi.

Si chiama Nirmal Purja il protagonista e ideatore del "Project Possibile": arrivare sulla vetta di 14 montagne che superano 8000 metri d' altitudine, ma soprattutto farlo in meno di 7 mesi. Così facendo avrebbe superato il record del sudcoreano Kim Chang-Ho, che aveva avuto la stessa folle idea di arrivare a toccare le vette di tutti gli ottomila. Kim ci riesce nel 2013, ma la missione gli richiede 7 lunghi anni e non 7 mesi, come era invece nei piani di Nirmal. 

Nirmal "Nims" Purja nasce in Nepal, nella regione del Myagdi, e dopo aver prestato servizio nei Gurkha, settore specializzato della fanteria britannica, si appassiona all'alipinismo ad alta quota. Nel 2014 scala il suo primo ottomila, il Dhaulagiri, poi nel 2016 l'Everest, ma è nel 2018 che compie la scelta più importante: lasciare l'esercito per dedicarsi a quello che chiamerà "Project Possible". La sua passione si tramuta in missione: vuole raggiungere le vette di tutti gli ottomila in soli sette mesi e la sua impresa dovrà essere d'ispirazione per tutti e la dimostrazione straordinaria che l'essere umano può raggiungere traguardi inimmaginabili. 

Nirmal diventa in poco tempo un eroe e nessuno tra i suoi cari osa distruggere il suo sogno. Anzi, chi lo conosce meglio, gli è vicino e lo sostiene con determinazione durante l'impresa. È nel suo DNA, l'attitudine a rendere l'impossibile possibile è la sua vocazione principale. 

E così insieme agli amici e sherpa, Mingma David Sherpa, Gesman Tamang, Galjen Sherpa, Lakpa Dendi Sherpa e Halung Dorchi Sherpa, inizia la scalata verso la gloria. La prima vetta ad essere raggiunta è quella dell' Annapurna (8091 m), il 29 aprile 2019, la seconda, lottando contro un forte vento, è quella del Dhaulagiri (8167), il 12 maggio, mentre dopo solo tre giorni è già sulla vetta del Kanchenjunga (8586 m). Il 24 maggio riscatta il record mondiale per aver scalato tre ottomila in tre giorni. Nirmal, infatti, dopo il Dhaulagiri, a fine maggio compie un'impresa straordinaria: il 22 maggio scala l'Everest (8848 m), la vetta più alta della terra, poi, dopo due ore di riposo, scala il Lhotse (8516 m) in 10 ore e 15 minuti e infine, il 24 maggio, dopo 38 ore dalla scalata dell' Everest, raggiunge la cima del Makalu (8485 m).

Termina in questo modo la prima fase del progetto: scalare gli ottomila nepalesi e apre la seconda: scalare gli ottomila del Pakistan. Il 3 luglio è già sulla vetta del temibile Narga Parbat (8126 m), mentre il 15 e il 18 luglio abbatte il Gasherbrum I (8080 m) e il Gasherbrum II (8035 m). Da questo momento inizia una battaglia feroce contro la paura delle valanghe e la neve alta per raggiungere la seconda vetta più alta, il K2 (8614 m), a cui arriva il 28 luglio. Due giorni dopo è già in vetta al Broad Peak (8051 m) e il 23 e 27 settembre è il turno del Cho Oyu (8201 m) e del Manaslu (8156 m). Arriva così a un passo dal completamento della folle missione: manca solo l'utlima vetta, il Shisha Pangma in Cina. Ma quando tutto sembra ormai deciso, qualcosa interrompe la missione e abbatte l'entusiasmo di Nirmal e dei suoi amici: il governo cinese ha deciso ufficialmente di non concedere più permessi per la scalata dello Shisha Pangma, ritenuto troppo pericoloso. È solo grazie all'aiuto dei suoi fun e del governo nepalese che Nirmal avrà l'autorizzazione a iniziare la scalata. Alla fine il 29 ottobre 2019, Nirmal Purja entra nella storia: scala il suo quattordicesimo ottomila dopo 7 mesi dalla prima vetta raggiunta. 

In una quotidianeità banale e ripetitva, in cui tutti siamo immersi ogni giorno, l'impresa di Nirmal Purja è quell'occasione che abbiamo per riflettere sulle nostre capacità e per iniziare a rincorrere i nostri sogni. Il "Project Possible" ci insegna che l'impossibile, se vogliamo, diventa possibile, che non c'è nessuna vetta, nessun ostacolo che non possa essere superato.

 

Grazie Nirmal.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top