Mondo: Usa ed Europa contro Pechino

L’occidente politico si compatta per resistere alle pressioni cinesi. L’economia è la chiave dell’alleanza.

L’Unione Europea e gli Stati Uniti rinsaldano le relazioni diplomatiche. L’incontro tra le due potenze continentali ha partorito l’idea di compiere passi comuni per contenere l’espansione della Cina. Il dialogo, fruttuoso, sancisce un’alleanza che riporta l’Italia in prima linea nel Patto Atlantico. L'escalation di tensioni commerciali tra le due sponde dell'Atlantico sotto l'amministrazione di Donald Trump sembra ormai un lontano ricordo. Gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno annunciato di aver trovato un accordo sulla disputa che durava da diciassette anni sugli aiuti di Stato erogati rispettivamente a Boeing e Airbus. La contesa aveva innescato una spirale di dazi e contro-dazi tra Usa e Ue, costata nel complesso circa tre miliardi di dollari. L'accordo, annunciato da fonti europee e confermato dalla rappresentante per il commercio degli Stati Uniti, Katherine Tai, dovrebbe comportare la sospensione delle imposte restrittive: "Ue e Usa hanno concordato di sospendere per cinque anni i dazi punitivi che si infliggono a vicenda nel contesto della controversia Airbus-Boeing. Invece di combattere uno dei nostri più stretti alleati, ci troviamo finalmente insieme di fronte a una minaccia comune". La responsabile del commercio a stelle e strisce ha, inoltre, confermato che l'estensione della tregua era stata decisa sul fascicolo a marzo e fissava la propria scadenza a luglio.

La presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen non nasconde la soddisfazione in merito al raggiungimento dell’intesa: "Abbiamo compiuto un passo importante nella risoluzione della controversia commerciale più lunga nella storia dell'Organizzazione mondiale del commercio. Sono felice di vedere che, dopo un intenso lavoro tra la Commissione europea e l'amministrazione statunitense, il nostro partenariato transatlantico sta raggiungendo una velocità di crociera". “Adesso - si legge in una nota di Bruxelles - "entrambe le parti cercheranno di superare le differenze di vecchia data al fine di evitare futuri contenziosi". Gli organi politici comunitari fanno sapere che, secondo l’accordo raggiunto, non ci saranno doppie tassazioni che colpiranno le big-tech. Inoltre, le due potenze inizieranno una collaborazione che porterà ad incrementare la produzione di sieri vaccinali anti Covid.

 Il premier Draghi plaude alla condivisione di intenti: "Con l'accordo di oggi Usa e Ue rafforzano la propria alleanza, consolidando una nuova stagione di cooperazione. In particolare, molte produzioni italiane di eccellenza potranno beneficiare della sospensione a lungo termine dei dazi commerciali. Un ulteriore passo verso il ritorno ad una piena collaborazione nei fori multilaterali, di cui beneficerà tutta la comunità transatlantica". La Cina non demorde. Il “Dragone” si scaglia contro i paesi del mondo ostili alla propria politica economica con una vignetta polemica pubblicata dall’organo di stampa ufficiale del Partito Comunista. L’illustrazione, ripresa dall’Ultima cena di Leonardo, ritrae i nemici del paese con sembianze animalesche intente a spartirsi una torta a forma di cartina geografica della Cina. Il mondo attende la risposta di Pechino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top