Miss Principessa d'Europa ad Avellino

La scorsa domenica la splendida Tenuta Ippocrate di Avellino ha ospitato la finale regionale campana del concorso Miss principessa d'Europa.

Domenica 5 settembre ’21, nella bella Tenuta Ippocrate ad Avellino, si è tenuta la finale regionale campana del concorso “Miss Principessa d’Europa”, patrocinata dal Comitato Zonale ASI per le province di Caserta, Avellino e Benevento, che in questo modo ha dato avvio alla nuova stagione associativa. Un momento ricreativo, dopo il lungo periodo di fermo imposto dalla tragica pandemia che ha stravolto le nostre vite, che ha messo in atto la celebrazione della Bellezza, al cospetto di circa cento ospiti e della giuria.

Una serata organizzata al meglio, 18 le finaliste che durante la cena di Gala si sono confrontate in varie performance, al cospetto di una imparziale giuria presieduta dal sen. Claudio Barbaro, presidente nazionale di Asi e degli altri giudici, fra cui il sen. Antonio Iannone, il presidente del Consiglio Comunale di Avellino, Ugo Maggio ed altri esponenti delle Istituzioni.

La bella serata è stata accompagnata dalla musica di Adolf Annecchiarico, artista contemporaneo molto conosciuto ad Avellino, e vi hanno preso parte dirigenti del Comitato, il presidente delle Asd e Aps affiliate, ma anche atleti, cittadini e curiosi.

Tra gli illustri ospiti va citato il Priore Generale d’Italia del Sovrano Ordine Militare del Tempio di Gerusalemme, Luigi Nacca, che è stato accompagnato da una delegazione di cavalieri. Le ragazze hanno ricevuto in dono una medaglia templare e i giudici un distintivo, mentre la Tenuta Ippocrate è stata premiata con una menzione di benemerenza e ha ricevuto in dono un’opera d’arte a cura della APS, ‘La Bodeguita de Ana’.

Il presidente del Comitato, Ettore de Conciliis, ha così ringraziato coloro che hanno contribuito alla realizzazione della serata: “Lo sport conferisce a tutti benessere ed equilibrio psichico e fisico, e, peraltro, contribuisce alla formazione del canone estetico. Ecco perchè celebrare la fisicità, la bellezza e l’armoniosità può rappresentare una forma di valorizzazione e di sensibilità che il Comitato Zonale ha inteso raccogliere. Inoltre, il territorio ha presenza di associazioni che si occupano di questi temi, che si possono considerare, effettivamente, afferenti al benessere e alla realizzazione della persona”.

Un bel momento di incontro, bellezza, dialogo e moda che ha illuminato la serata avellinese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top