La risposta degli italiani al caro prezzi? Il discount.

Sempre pi italiani sono costretti alla spese alimentare low cost rivolgendosi ai discount pur di spuntare il prezzo migliore.

In risposta al rincaro dei prezzi che coinvolge in questa parte finale dell’anno anche i prodotti alimentari gli italiani aumentano in maniera corposa il loro  ricorso ai discount per la spesa relativa ai generi alimentari. Quindi, secondo una tendenza già consolidata negli ultimi mesi,  è il cibo low cost progressivamente a farla da padrona nelle scelte alimentari  degli italiani con ciò dimostrando come la necessità di risparmiare sia diventata, ormai,  tra le principali prerogative del momento. Il +6,2% d’incremento realizzato dal canale  discount, come emerge da un indagine Coldiretti, non può che essere letto come un’ulteriore segnale  delle difficoltà delle famiglie italiane chiamate a rispondere, nella penuria delle risorse economiche disponibili, al rincaro generalizzato che investe tutti i prodotti, non solo quelli alimentari.

 

Coldiretti: aumenti determinati dal rincaro energetico e delle materie prime.

Appare innegabile che il fenomeno dei rincari alimentari sia la  diretta conseguenza della particolare e contemporanea combinazione della  crescita dei costi energetici e del costo delle materie prime che caratterizza questo momento.  Conseguenza diretta- secondo Coldiretti-  di questo duplice rincaro è il sostanziale incremento del costo di produzione dei prodotti alimentari che si riflettono sui prezzi di vendita finale applicati. Ad aggravare di non poco la situazione e ad avere un’ulteriore e forte ricaduta sui rincari alimentari è anche il robusto  incremento dei costi di  confezionamento. Infatti carta, vetro, plastica comunemente utilizzati per  il confezionamento dei prodotti alimentari sono anch’essi, nel frattempo, lievitati nei costi,  finendo per impattare  quindi maggiormente sui prezzi finali dei prodotti.

Se a questa situazione aggiungiamo, poi, anche il progressivo aumento dei costi di trasporto,  dovuti  al crescente caro prezzo dei combustibili, appare fin troppo evidente il perché troviamo i prezzi in picchiata e perché gran parte degli italiani è costretta a fare la spesa puntando in maniera crescente sul low cost dei discount.  Il nodo dei costi di trasporto è amplificato per l’Italia perché il nostro paese paga non solo gli effetti della pandemia ma anche e soprattutto  il deficit logistico nazionale dovuto alla carenza o alla totale assenza di infrastrutture per il trasporto delle merci.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top