La cronaca della Campania dall08/08 al 14/08.

Il racconto dei principali eventi regionali nella seconda settimana di agosto. Incendio in campo nomadi a Barra. Notte di paura a Napoli, due morti e tre feriti. Crolla un ponte storico sul fiume Calore

Un vasto incendio con fiamme alte e fumo visibile a distanza si è sviluppato all’interno del campo nomadi di Barra, nella periferia orientale di Napoli. Il cattivo odore dei materiali andati a fuoco, sia rifiuti che baracche, si è diffuso nelle zone circostanti. Sul posto sono prontamente intervenuti i Vigili del Fuoco per spegnere l’incendio. Ancora sconosciute le cause del rogo. Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, sarebbero state sfollate almeno duecento persone, ma non ci sarebbero feriti. Per motivi precauzionali è stata disposta la chiusura della corrispondente uscita dell’autostrada A3, creando lunghe code. Per molte ore l’aria è stata irrespirabile non solo nella zona est, ma anche nel Centro Storico di Napoli e spinta dal vento anche sulle zone collinari e della provincia vesuviana. I residenti di Barra, Ponticelli e San Giovanni a Teduccio si sono barricati in casa, per evitare che il fumo e la puzza di bruciato potesse entrare nelle case. L’Arpac sta monitorando la qualità dell’aria.

Nella serata del 12 agosto un uomo di 46 anni, con precedenti, è morto ed un altro è stato ferito alla gamba e alla schiena nel corso di un agguato a Ponticelli. Alla notizia della morte dell’uomo, avvenuta in ospedale, i parenti avrebbero cominciato a sfasciare il nosocomio. Lo stesso giorno, in un quartiere di Fuorigrotta, un 48enne, con precedenti, è morto e due persone sono rimaste lievemente ferite nel corso di un accoltellamento. L’episodio, la cui dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Squadra mobile, sarebbe avvenuto nel corso di una lite per futili motivi.

Una parte dell’antico ponte sul fiume Calore di Apice, in provincia di Benevento, è crollata. Il tratto caduto si trova a ridosso del centro storico. Sul posto sono subito intervenuti il sindaco di Apice, Angelo Pepe e i tecnici della Provincia, ente proprietario del manufatto. L’amministrazione comunale denuncia di aver prodotto numerose segnalazioni agli enti preposti senza avere risposta. Il ponte di antica data di costruzione sorgeva accanto a un viadotto più moderno e metteva in collegamento con i paesi dell’Irpinia. Si sta ora indagando sulle cause del crollo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie
Com

Commenta

Top