Invalsi: DAD? Una catastrofe!

Spietati i risultati dell'ultimo Invalsi.In evidente calo il livello di preparazione e le competenze di base dei nostri studenti.

I risultati statistici, resi noti negli ultimi giorni,  sono particolarmente esemplicativi del disastroso esito della modalità DAD in termini di preparazione degli studenti.

Abbiamo tutti assistito o perché direttamente coinvolti o perché semplicemente informati sul punto delle difficoltà che hanno contraddistinto costantemente l’attuazione pratica di questa modalità, oggi prendiamo coscienza, proprio attraverso i riscontri statistici, del sostanziale e catastrofico esito degli ultimi 2 annicaratterizzati dall’adozione dalla modalità della didattica a distanza.

 

Statistiche impietose

Gran parte delle statistiche a cui ci riferiamo sono quelle contenute nelle risultanze Invalsi, acronimo con il quale s’indica l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione. In sintesi si tratta di una modalità, introdotta nella scuola italiana, fin dal 2007, per procedere alla valutazione del grado di preparazione degli studenti.

Dall’ultimo riscontro Invalsi, venendo ai risultati drammatici resi noti negli ultimi giorni, risulterebbe che il 44%dei maturanti non raggiunge un livello di conoscenza minima dell’Italiano e che ben 40.000 escono dal ciclo dell’istruzione con  la triste etichetta dell’inadeguatezza.

Il calo di competenze che ha  riguardato in questi ultimi due anni studenti e studentesse, in particolar modo delle scuole superiori, consente di affermare che almeno un alunno su due è oggettivamente classificabile come impreparato mentre latitano in maniera diffusa le competenze di base.

Alla buona tenuta delle scuola primaria, nello scenario dipinto dall’Invalsi, fa da contraltare il vero e proprio crack in termini di preparazione e competenze della scuola media inferiore e di quella superiore. Per quanto attiene alla scuola media inferiore i risultati dello studio permettono di sancire, riferendoci ad esempio all’Italiano,  la perdita  di 4 punti percentuali in termini di preparazione rispetto al 2018 che salgono a 7rispetto al 2019, con il 39% degli allievi che si pongono al di sotto del livello minimo di conoscenza e comprensione della materia. La situazione peggiora per quanto riguarda le medie superiori dove l’arretramento, sempre riferendoci all’Italiano, è di 10 punti percentuali rispetto al 2019.

 

In DAD aumenta la distanza tra Nord e Sud.

Altro segnale preoccupante e univocamente desumibile dall’Invalsi è l’accentuazione della frattura tra il nord e il sud della penisola in termini di resa didattica della DAD.

Ad esempio, con riferimento sempre alle medie superiori e all’Italiano, mentre tutta l’area del Nord-est mantiene e i dati del Piemonte e Friuli sono buoni,  Campania e Calabria si caratterizzano con una percentuale di inadeguati del 64% nella lingua madre.

Per capire la profondità del fenomeno un’ultima considerazione: sono ben 49 punti percentuali, in termini di preparazione a dividere le migliori scuole della provincia di Trento rispetto alle peggiori delle province calabresi.

 

In conclusione

Gli ultimi 2 anni di DAD hanno portato a un sostanziale ed evidente decadimento del livello di preparazione dei nostri studenti, con l’unica eccezione delle scuole primarie che non a caso hanno sofferto meno delle chiusure forzate e quindi della necessità di sostituire in modalità online le lezioni in presenza. Non solo ma l’adozione della DAD ha anche portato ad effetti più negativi in Italia rispetto agli altri paesi europei, vuoi per il minor numero di giorni di chiusura rispetto al nostro paese (vedi la Francia), vuoi per una maggiore omogenità nello sviluppo sociale o ancora per migliori modalità applicative (vedi la Spagna).  Non solo una differenza di resa didattica con i paesi europei ma anche un sensibile aumento della spaccatura tra nord e sud del nostro paese dove l’evidente disparità di condizioni sociali ha trovato, attraverso la DAD, modo di esplicarsi in maniera ancora più amplificata.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie
Com

Commenta

Top