Il parco Biblioteca degli Alberi

Larea verde innovativa e dal design futuristico

Inaugurato nel 2018, il nuovissimo parco nella zona di Porta Nuova non è solo un’area verde, ma è un giardino contemporaneo in cui vivere esperienze culturali a contatto con la natura.

La Biblioteca degli Alberi, così è chiamato, è stato progettato e realizzato  dalla designer paesaggistica olandese Petra Blaisse e da Piet Oudolf, insieme allo Studio Inside-Outside, si estende per nove ettari infatti è per estensione il terzo parco di Milano.

Il nome “biblioteca” viene dal fatto che al suo interno ospita più di 100 specie diverse, 500 alberi disposti in 22 anelli e 135.000 piante, con una suddivisione per specie e varietà come fossero catalogati.

Una delle attrazioni più amate è la presenza in primavera dei prati pieni di fiori di campo, uno spettacolo di colori in cui perdere lo sguardo. Piet Oudolf, teorico del giardino spontaneo, si è occupato proprio dei “campi irregolari” ovvero la suddivisione del parco tramite sentieri nei quali sono presenti le varietà di piante e fiori riconoscibili anche grazie alle targhe con le spiegazioni.

Per rendere la zona accessibile a tutti sono stati realizzati 5 chilometri di piste ciclabili, 170 mila metri quadrati di area pedonale e due zone dedicate agli animali a quattro zampe, ma anche aree gioco per bambini area fitness, un’area relax con chaise longue in legno e luci soffuse, aree per pic-nic attrezzate con panchine, labirinto di cespugli, un laghetto e una fontana scenografica attiva da maggio a settembre.

I vari percorsi sono arricchiti da citazioni e poesie che invitano il visitatore a riflessioni che inducono calma e a godersi la natura circostante lontani dal trambusto della città come fosse in una bolla.

La zona che una volta era lasciata abbandonata a se stessa è stata cosi trasformata in un luogo all’avanguardia e sostenibile creando uno spazio di verde che non è un semplice parco ma un nuovo spazio progettato per la Milano del futuro, seguendo la linea di tutta la zona circostante. Il parco è subito collegato alla piazza Gae Aulenti, altra architettura recentissima e con lo stile che guarda all’innovazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top