Green pass per i guariti Covid in Campania

Covid-19

 

A breve ci sarà il rilascio dei Green pass a tutti coloro che hanno contratto il Covid guariti e che hanno ricevuto una sola dose di vaccino avendo completato il ciclo vaccinale. Tutte le Asl in Campania hanno iniziato a cariare i dati di chi non necessita della seconda dose avendo già anticorpi a sufficienza. Per chi invece ha completato il ciclo vaccinale con la seconda dose, sarà effettuata in automatico la registrazione in piattaforma online per il Green Pass. A rilasciarlo è il Ministero della Salute che riceve i dati dalla piattaforma del sistema Tessere Sanitaria. Per chi è guarito dal Covid, bisogna assicurarsi che la propria ASL abbia registrato la prima dose vaccinale in piattaforma per sbloccare il Green Pass. Dato che il numero dei guariti è molto alto, tale operazione necessita di tempi più estesi: in Campania si tratta di circa 100.000 persone, di cui 50.000 solo nell’Asl 1.  Ma andiamo più nel dettaglio e vediamo cosa sono e a cosa servono i Green Pass. I Green Pass sono i documenti che permettono lo spostamento in Italia e tra i paesi dell’Unione europea. Tramite questi documenti è possibile inoltre evitare la quarantana dei turisti che vogliono spostarsi in un altro paese. Sono utili inoltre per chi ha intenzione di visitare un parente ricoverato in una Rsa o per partecipare alle cerimonie. Per verificarne l’autenticità e per evitare truffe, i Green Pass sono muniti di un QR code che ne assicurano la validità. I pass sono validi per 9 mesi e possono essere sia digitali che cartacei e indicano la data di nascita dell’interessato e dettagli in merito alla vaccinazione effettuata (il vaccino ricevuto, il numero di dosi effettuate, data dell’ultima somministrazione, lo Stato in cui è stata effettuata la vaccinazione e la struttura che ha il certificato). Coloro che hanno l’autorizzazione di verificare i Green Pass sono i pubblici ufficiali durante l’esercizio delle loro funzioni, il personale addetto al controllo delle attività di intrattenimento in luoghi aperti al pubblico, il proprietario di locali in cui si svolgono attività per cui è prescritto il possesso dei Green Pass. Se è richiesto, al momento della verifica, è necessario mostrare anche la carta d’identità.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top