"Con tutto il cuore" di Vincenzo Salemme

Un onesto professore di latino e greco si ritrova alle prese con pericolosi boss, vendette annunciate e situazioni improbabili.

Per l'immaginario comune quanto è sottile la linea tra l'essere buono e l'essere 'fesso'? E in una società guidata da falsi miti ed effimere comparse, l'essere onesti quanto è importante?

Vincenzo Salemme torna nelle sale cinematografiche con un nuovo film “Con tutto il cuore”, la storia di un professore di Lettere Antiche napoletano che, in attesa di trapianto, per un malinteso si ritrova a ricevere il cuore di un pericoloso, temuto e rispettato boss della camorra. Improbabili malintesi, e divertenti episodi porteranno il protagonista ad affrontare delle situazioni lontanissime dal suo modo di vivere. Una realtà e un'idea di rispetto ed onore che Ottavio Camaldoli non condivide e nemmeno accetta, ma che è costretto a subire! Aver ricevuto il cuore di Antonio Carannante, detto O Barbiere, innescherà una serie di conseguenze difficili da evitare, ma soprattutto gli farà assaporare un potere e un rispetto unici, ma che potrebbero avere cattivi risultati.

Vincenzo Salemme, con Maurizio Casagrande, Serena Autieri, Cristina Donadio, Andrea Di Maria ed altri, ci raccontano uno spaccato delle nostra società, naturalmente in chiave allegorica e comica, con maestria e bravura. Una risata amara, aggiungerei, e tanti spunti di riflessione che mi hanno accompagnata fuori dalla sala cinematografica.

Un onesto e colto insegnante, deriso e sminuito da una società che non riconosce e rispetta più i ruoli che fino a poco tempo fa erano da prendere ad esempio, lasciando il passo a miti sbagliati, punti di riferimento negativi e poco educativi.

Un boss, O Barbiere, che viene rispettato ed onorato da tutti, nonostante i suoi crimini e la sua crudeltà, ed un professore onesto, e forse un po' noioso, che conduce una vita rispettando regole e persone, che vive ai margini della società.

Una riflessione sul nostro essere, che spesso si discosta dal nostro fare, tra infermieri non infermieri, donne indiane che vengono da Pozzuoli e donne delle pulizie che non sono proprio donne delle pulizie!

Un bel film che mi ha fatto ridere, sorridere e riflettere. Consigliato!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top