7.4 C
Napoli

Gragnani, bullismo: arrestati 5 minorenni per la morte di un 14enne

Sono 5 i ragazzini coinvolti: 2 erano già indagati per il suicidio di un tredicenne.

Published:

Tutto ciò succede a Gragnano (NA): un 14enne è stato vittima di una serie di atti di bullismo.
Questo è andato avanti per anni: 3, per la precisione.
Secondo le ricostruzioni, a causa delle persecuzioni, la vittima sarebbe stata costretta a cambiare
scuola nel corso dell’anno scolastico. Davanti ad alcuni di questi atti nei suoi confronti, il ragazzino
avrebbe anche manifestato la volontà di togliersi la vita.
Tutto ciò è stato reso noto dai carabinieri.
I bulli coinvolti in questione sono 5: tutti di età maggiore rispetto alla loro vittima – età che si
aggirano tra i 15 e i 18 anni. Il 18enne, all’epoca dei fatti accaduti, era minorenne. Tutti i 5 ragazzi
sono stati collocati in una comunità, destinatari di una misura cautelare.
Tra questi cinque, inoltre, sono presenti anche due ragazzi che erano già indagati nel corso di un
procedimento penale relativo al suicidio di un altro ragazzino più piccolo di loro, un 13enne, che si
è tolto la vita lo scorso 1 Settembre.
Nella mattinata di Venerdì i Carabinieri della stazione di Gragnano e coordinate dalla Procura della
Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli, hanno dato esecuzione all’ordinanza nei
confronti dei 5 indagati: le accuse a loro carico sono a vario titolo, da atti persecutori a rapina.
Le indagini, partite a Settembre, hanno consentito di appurare che il 14enne, nel corso dei 3 anni, ha
subito diversi atti di persecuzione. Le vessazioni sarebbero sfociate anche in un’aggressione fisica
molto violenta, avvenuta sempre nel mese di Settembre, che avrebbe procurato alla vittima lesioni
giudicate guaribili in 10 giorni.
Sarebbe, inoltre, saltato fuori che la vittima subisse atti di bullismo nei suoi confronti a partire già
dalle scuole elementari, da parte di un suo coetaneo, non imputabile, poiché infraquattordicenne all’epoca dei fatti.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania
placeholder text

Related articles

Recent articles