7.4 C
Napoli

Ischia: più di mille persone da evacuare

Nuova allerta meteo: a Ischia si evacuano 600 edifici in via precauzionale.

Published:

Almeno mille – se non milletrecento – persone dovranno abbandonare le loro abitazioni, ad Ischia, a seguito dell’allerta meteo (colore giallo e arancione).

Claudio Palomba, prefetto di Napoli, ha fatto il punto della situazione al termine di un incontro del comitato operativo. Erano presenti il neo commissario Giovanni Legnini e il capo della protezione civile Fabrizio Curcio.

Finora sono stati verificati quasi 1.200 edifici – la quasi totalità di quelli ritenuti a rischio, in caso di allerta meteo; di questi, sono 600 quelli da evacuare. I residenti saranno trasportati su pulmini messi a disposizione, e risiederanno in vari alberghi, fino al termine dell’allerta meteo.

L’obiettivo è quello di riuscire ad offrire a tutti una sistemazione all’interno di un albergo, ma il prefetto di Napoli ha spiegato che, se necessario, si inizieranno ad utilizzare anche palestre e palazzetti dello sport, in extrema-ratio. Le operazioni di evacuazione saranno presiedute dalle forze dell’ordine locale; esse si occuperanno anche di un controllo ai punti di accesso della ‘zona rossa’, in ottica antisciacallaggio.

Simonetta Calcaterra, commissario prefettizio del comune di Casamicciola ha spiegato: “Appena riceveremo il bollettino meteo con giorno e ora dell’allerta verrà adottata una ordinanza con cui si invitano i cittadini a recarsi nei centri di sicurezza, prevalentemente hotel. Garantiremo un servizio di navette, ci saranno ambulanze con e senza medico a bordo per i cittadini con fragilità. Ci sarà un avviso alla cittadinanza per dare tutte le spiegazioni. Vogliamo tranquillizzare la popolazione, questa misura precauzionale pre-organizzata consentirà di effettuare meglio gli spostamenti. Anche chi non ricade nella zona rossa potrà, se lo vuole, allontanarsi e trovare accoglienza su una nave nel porto di Casamicciola”.

L’evacuazione parte dalle ore 16:00 di oggi, 2 Dicembre. 

RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania
placeholder text

Related articles

Recent articles