13.1 C
Napoli

Blitz dei Carabinieri al campo rom di Giugliano

Dieci di persone denunciate, diciotto veicoli sequestrati e tonnellate di rifiuti da smaltire.

Published:

Cumuli o per meglio dire tonnellate di rifiuti, anche speciali e pericolosi, erano stoccati sul terreno ovunque tra le abitazioni di fortuna e la fanghiglia, il tutto senza alcun filtro o copertura. Un rischio questo, rilevante sia per le falde acquifere che per l’ambiente; ma soprattutto una potenziale minaccia d’innesco per roghi tossici.

Questa, la situazione che i Carabinieri si sono ritrovati dinanzi appena entrati nel campo rom di Giugliano, che sorge in zona Asi e che conta circa 200 baracche distribuite su di una superficie di 50mila metri quadrati.

Il totale stimato d’immondizie ammonta a circa 10mila metri cubi; un cumulo questo fatto di solventi, pneumatici, lastre di amianto, elettrodomestici, scarti edili e quant’altro,  da campionare e rimuovere da parte di personale specializzato, al quale si aggiunge il sequestro di centinaia di attrezzi per lo scasso, i quali una volta recuperati saranno affidati ad una ditta specializzata che provvederà alla loro distruzione.

A ciò si è aggiunto anche il sequestro di 18 veicoli, che non erano coperti da assicurazione; pertanto  con l’utilizzo di decine di carri attrezzi si è provveduto a portarli alle depositerie giudiziarie, precedentemente individuate. Tra i veicoli oggetti di sequestro molti erano intestati a persone inesistenti, altri invece saranno sottoposti ad ulteriori accertamenti.

Infine le forze dell’ordine hanno dovuto provvedere alla denuncia di decine di persone per inosservanza dell’istruzione elementare; genitori questi di bambini che nonostante l’obbligo imposto dalla legge, non hanno mai frequentato i banchi di scuola.

Nei prossimi giorni i militari proseguiranno nei controlli e nelle varie attività d’indagine.

RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania
placeholder text

Related articles

Recent articles