11 C
Napoli

Nola, ex ’48: spazzate via le attività commerciali

L’ufficio tecnico dà il via agli sgomberi

Published:

Un’ordinanza decreta che le attività commerciali che da anni occupano il perimetro intorno Piazza d’Armi sono da ritenersi abusive, essendo state costruite su suolo del demanio comunale e dello Stato e ne ordina la rimozione. Si tratta di 7 strutture, definite nell’ordinanza opere vetuste esistenti da oltre 50 anni.

Quattro ricadenti su area di esclusiva proprietà del comune, altre tre ricadenti invece su area di proprietà comunale parzialmente demaniale. I proprietari delle attività commerciali dovranno inoltre provvedere a proprie spese alla demolizione e rimozione delle opere realizzate abusivamente.

Tutto dunque da riqualificare e in tempi celeri, per non perdere i fondi relativi a un progetto che prevede la trasformazione di Piazza d’Armi in un grande parco urbano. La piazza, che rappresenta un bene storico-culturale di primaria importanza per la città, rientra in un finanziamento per la valorizzazione dell’area, per un valore di oltre 5 milioni di euro.

Dopo anni di inerzia dell’amministrazione comunale che non ha mai provveduto a ripristinare lo stato dei luoghi, un atto dovuto ai cittadini che da anni assistono al degrado un’area dalle grandi potenzialità.

RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania
placeholder text

Related articles

Recent articles